di Baco Barenco

Aldilà del risultato finale per così dire onorevole, non si può negare che i giovani del San Gallo hanno dimostrato di essere un’ottima squadra. Nei primi 20/25 minuti della contesa i granata non hanno praticamente visto la palla e la prima rete biancoverde è stata un capolavoro di precisione con cinque passaggi volanti in uno spazio limitato e il tiro finale in rete imparabile per Pelloni. Azione ripetuta e praticamente fotocopiata in occasione della quarta rete; se a questo aggiungiamo il gran tiro da fuori area all’incrocio che ha portato al tre a due dobbiamo ammettere che per questa volta l’ACB è stata dominata per gran parte dell’incontro. Lo ammette anche il capitano granata Tito Tarchini: “è sicuramente la miglior squadra che abbiamo incontrato finora e onestamente hanno meritato la vittoria. Si può forse recriminare per il gol del due a due incassato a un minuto dalla pausa ma noi potevamo e dovevamo fare di più. Di positivo resta il fatto che non abbiamo mollato fino alla fine e che con un pizzico di fortuna in più avremmo potuto raggiungere il pareggio”.

E’ vero, ci sono anche alcune attenuanti come l’uscita per ferimento di Facchinetti dopo un quarto d’ora e si sa quanto sia importante la presenza di Mirko a centrocampo, il campo sintetico sul quale non siamo abituati a giocare, la presenza fra i sangallesi di quattro giocatori che hanno già fatto parte della prima squadra ma tutto questo non dovrebbe impedirci di far valere le nostre qualità. D’altra parte una sconfitta ci può stare, non si poteva pretendere di vincere tutte le partite, ma da questa occorre trarre i giusti insegnamenti. Ne è convinto anche Tarchini: “ora bisognerà pensare a ricaricare le batterie perché siamo convinti di avere i mezzi e vogliamo arrivare in fondo a questo campionato davanti a tutti. Ma questo è un campanello di allarme del quale bisogna tener conto prendersi tutte le responsabilità e soprattutto rimanere uniti”.

E allora vediamola anche dal lato positivo: i risultati della altre squadre hanno giocato a favore dei granata che rimangono primi in classifica con sempre tre punti sul Thalwil. Ci saranno ora due settimane per preparare bene la prossima trasferta sul campo del SV Höngg e tornare ad essere protagonisti.