di Baco Barenco

La modestia è una delle qualità che ha fatto dell’ACB la squadra che la scorsa stagione ha dominato il campionato e centrato la promozione in prima lega promozione che inizierà sabato prossimo con la difficile trasferta a Basilea. E la stessa modestia (al di là dell’ottimo aperitivo preparato dal magico chef Merlo) ha caratterizzato la presentazione della squadra organizzata, come da tradizione, dal Club dei 100. Erano più di 200 i tifosi che hanno sfidato l’afa di questi giorni e sono andati al Comunale dove, come lo scorso anno quando aveva portato molta fortuna, Marino Cortinovis ha fatto gli onori di casa precisando che si è voluta mantenere l’ossatura della squadra vincente dello scorso anno con l’inserimento di alcuni giocatori di valore che dovranno rendere ancora più competitiva la formazione granata e affrontare un campionato sicuramente più complicato e difficile. Ma per questo l’ACB ha bisogno di tutti, soprattutto dei propri tifosi: bisognerà rivedere spesso il Comunale così pieno di gente come lo è stato per le partite di finale dello scorso campionato. E a questo dovranno contribuire i nuovi arrivati Loris Lafranchi (dal FC Cadenazzo), Syvar Doldur (dal FC Sion U21) e il difensore centrale Leo Farine (dal Neuchatel Xamax). Da aggiungere poi i numerosi giovani che già facevano parte della rosa la scorsa stagione. Una squadra quindi che resta fatta in casa come lo è sempre stato dalla sua rinascita quattro anni fa.

Il sano entusiasmo di questa presentazione ha sicuramente contagiato anche il comitato dell’ACB che, alla vigilia del campionato, esterna un ottimismo sicuramente non di facciata. Dal presidente Paolo Righetti che conferma la sua filosofia di fondo “tutti insieme per l’ACB”, a Flavio Facchin “l’ACB non finisce di emozionarmi”, a Lalo Delcò “siamo pronti per stupire di nuovo”.

Si ricomincia quindi con un forte FORZA GRANATA.